whatsapp
keyboard_arrow_down Contatti

Lunedì

25

Settembre 2023

Come inserire dati strutturati articoli

Come inserire dati strutturati articoli WordPress

  1. blog Come inserire dati strutturati articoli WordPress
event_available
schedule

Come inserire dati strutturati negli articoli e post di WordPress? Puoi utilizzare un plugin oppure inserirli manualmente nel codice delle pagine del tuo sito.

In questa guida vedremo entrambi i modi, ti anticipo che se vuoi inserirli manualmente dovrai conoscere i seguenti linguaggi di programmazione:

  • HTML
  • PhP
  • JSON-LD

Così come le pagine web, anche gli articoli del blog hanno molte informazioni da comunicare ai motori di ricerca tramite i dati strutturati.

I campi più utilizzati dagli sviluppatori sono:

  • Titolo
  • Data di pubblicazione
  • Data ultima modifica
  • Autore
  • Publisher
  • Immagini contenute nell’articolo

Questi sono anche i campi richiesti da Google, come specifica nella sua guida ufficiale mentre, sul sito di Schema.org hai a disposizione tutti i tag disponibili per gli articoli.

Inserire dati strutturati nel codice di WordPress

Vediamo il codice che dovrai inserire: Sarà uno script in formato JSon-LD da inserire all’interno del codice HTML, nel tag <head> del tuo sito e avrà la seguente sintassi:

<script type="application/ld+json">
{
  "@context" : "https://schema.org/",
  "@type" : "Article",

  "chiave" : "valore",
  "chiave" : "valore"
}
</script>

In questa prima parte del codice abbiamo inserito due chiavi:

  • “@context” per dichiarare che stiamo inserendo dati strutturati
  • “@type” per dichiarare che si tratta di un articolo per il web.

Come valore per la chiave “@type” abbiamo usato “Article”, ovvero il più generico ma puoi scegliere tra:

  • Article: indica tutti i tipi di articoli e news
  • NewsArticle: Specifico per gli articoli di notizie, news o informazioni utili a comprendere le notizie
  • BlogPosting: post generici del blog

Vediamo ora altri campi strettamente necessari:

<script type="application/ld+json">
{
  "@context" : "https://schema.org/",
  "@type" : "Article",
  "headline" : "Il titolo SEO del tuo articolo",
  "datePublished" : "2020-03-30T12:04:49+02:00",
  "dateModified" : "2020-03-30T12:04:49+02:00",
  "author" : {
    "@type" : "Person",
    "name" : "Il tuo nome",
    "url" : "https://www.il-tuo-sito.it/"
  },
  "image" : [
    "https://www.il-tuo-sito.it/immagine-1.jpg",
    "https://www.il-tuo-sito.it/immagine-2.jpg",
    "https://www.il-tuo-sito.it/immagine-3.jpg"
  ]
}
</script>

In questo codice abbiamo inserito i seguenti campi:

  • “headline” : Semplice testo contenente il titolo del tuo articolo
  • “datePublished” : data di pubblicazione in formato ISO 8601
  • “dateModified” : data di ultima modifica in formato ISO 8601
  • “author”: Informazioni sull’autore dell’articolo
  • “image”: immagine o immagini dell’articolo. Per inserire una sola immagine puoi anche scrivere: “image” : “https://www.il-tuo-sito.it/immagine-1.jpg”,

Integrazione con le funzioni di WordPress

Siccome non ha senso inserire questo codice manualmente in ogni tuo articolo, vediamo come sfruttare le funzioni di WordPress per facilitarci il lavoro.

Il file che dovrai aprire è single.php, nella cartella generale dei temi. Nel punto successivo vedremo nel dettaglio la strada migliore per inserire codice personalizzato in WordPress.

https://www.il-tuo-sito.it/wp-content/themes/nome-tema/single.php

Il codice da inserire è il seguente:

if (have_posts()) {

  // code
  ?>
  <script type="application/ld+json">
{
  "@context" : "https://schema.org/",
  "@type" : "Article",
  "headline" : "<?php echo get_the_title(); ?>",
  "datePublished" : "<?php echo get_the_date('c'); ?>",
  "dateModified" : "<?php echo get_the_modified_date('c'); ?>",
  "author" : {
    "@type" : "Person",
    "name" : "Il tuo nome",
    "url" : "<?php echo get_home_url() . '/'; ?>"
  },
  "image" : "<?php echo get_the_post_thumbnail_url(); ?>"
}
</script>

Se utilizzi il plugin Yoast SEO puoi anche sostituire la chiave “headline” con il titolo dell’articolo creato da Yoast, in questo modo:

"headline" : "<?php echo get_post_meta(get_the_id(), '_yoast_wpseo_title', true); ?>",

Dati strutturati negli articoli WordPress: i Microdati

L’ultima cosa da fare è inserire i microdati nel corpo della pagina in modo da aiutare i bot a trovare le informazioni nel testo che hai scritto.

Tutte le istruzioni scritte nel JSON-LD dovranno essere riportate nei microdati e quindi nel testo della pagina.

La sintassi è questa:

<div itemscope itemtype="https://schema.org/Article" class="...">
  <h1 itemprop="name"><?php the_title(); ?></h1>
    ...
  <img itemprop="image" src="...." alt="...">
  <p>Pubblicato il <span itemprop="datePublished" content="<?php echo get_the_date(); ?>"><?php echo get_the_date(); ?></span>,
 aggiornato il <span itemprop"dateModified" content"<?php echo the_modified_date(); ?>"><?php echo the_modified_date(); ?></span></p>
</div>

Dove inserire il codice

Tutto il codice visto in precedenza va inserito all’interno del file che gestisce la visualizzazione degli articoli: single.php.

https://www.il-tuo-sito.it/wp-content/themes/nome-tema/single.php

Tutte le modifiche a questo file però vengono sovrascritte ad ogni aggiornamento del tema, quindi la soluzione è creare un tema child.

I temi child hanno la stessa struttura dei temi normali ed ereditano tutti i file del tema genitore. Dovrai creare un file single.php all’interno del tuo tema child ed inserire lì il codice.

Altre possibili soluzioni sono:

Se hai già scritto del codice, puoi sfruttare anche file diversi da single.php, con la funzione add_action() e l’hook “wp_head”.

add_action('wp_head', function() {
  if (is_single()) {
    // code...
  }
});

Con la funzione is_single() stiamo imponendo a WordPress di mostrare il codice solo negli articoli, anche se si tratta di tipi di post personalizzati (Custom posts)

Assistente per il markup dei dati strutturati

Per aiutarti nella compilazione dei dati strutturati, Google ha messo a disposizione l’assistente per il markup dei dati strutturati, il tutto gratis.

è molto semplice, ti basta cliccare sul link, inserire l’url del tuo articolo e iniziare a compilare i dati. Seleziona il testo all’interno del tuo articolo e si aprirà un pop-up in cui potrai assegnare il tipo di microdato da utilizzare.

Una volta finito puoi cliccare su genera “HTML” e otterrai il codice JSON-LD e i Microdati da inserire nell’Html.

Verificare la correttezza dei dati strutturati

Ora che hai visto come inserire dati strutturati negli articoli dovrai verificare che siano corretti infatti che un piccolo errore di sintassi potrebbe compromettere la informazioni inviate a Google.

Per la verifica puoi usare la sezione di Search Console dedicata, semplicemente inserendo il link di un articolo da testare e premendo invio.

La verifica è molto importante quindi tieni sotto controllo la dashboard di Search Console per monitorare eventuali errori futuri. Errori nei dati strutturati possono anche essere causa della mancata indicizzazione dei un sito.

Vantaggi dell’aggiunta di dati strutturati

I dati strutturati comunicano a Google il contenuto generale della pagina e anche informazioni particolari come il prezzo di un prodotto, la sua disponibilità ecc… I principali vantaggi sono quindi:

Cosa sono i dati strutturati

I dati strutturati sono informazioni testuali che vengono inserite nelle pagine web per comunicare meglio il contenuto ai motori di ricerca.

Dati strutturati per aziende

I dati strutturati per le aziende sono fondamentali per la comunicare a Google le informazioni migliori sul tuo brand. Perché non inserirle?

Dati strutturati per prodotti

Anche prodotti e servizi possono contenere dati strutturati, scopri come inserirli

Come inserire dati strutturati in WordPress

  1. Apri il file single.php del tuo tema child

  2. Inserisci questo codice

  3. Rendi i campi dinamici con php

Ti è piaciuto questo articolo?

favorite thumb_down
Autore articolo

Fabio

Sono un terribile realista. Pratico e determinato ma anche un grande sognatore, ecco perché do continuamente vita a nuovi progetti online e non. Nel 2019 ho fondato Eureka Web proprio per rendere possibile tutto questo. Insieme possiamo realizzare la tua idea!


Visita il sito
library_books

Leggi anche

come creare tipi di post personalizzati in wordpress
Scopri
Come creare template articoli personalizzato WordPress
Scopri
Come fare redirect in WordPress senza plugin
Scopri

Contattami

perm_identity
alternate_email
phonelink_ring
message

Il tuo messaggio è stato inviato con successo!
Ti risponderemo a breve

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

message
perm_identity
alternate_email

keyboard_arrow_up