whatsapp
keyboard_arrow_down Contatti

Martedì

30

Maggio 2023

cosa sono i dati strutturati

Cosa sono i dati strutturati

  1. blog Cosa sono i dati strutturati
event_available
schedule

Cosa sono i dati strutturati? Sono informazioni (meta-informazioni) che vengono inserite nel codice di una pagina web per comunicarne il contenuto ai motori di ricerca.

Se fai costantemente ricerche su Google avrai notato che da qualche anno i risultati della SERP sono cambiati e contengono molte più informazioni rispetto a prima.

È merito dei dati strutturati che forniscono informazioni più dettagliate direttamente nella SERP.

cosa sono i dati strutturati delle ricette

I dati strutturati più comuni sono le recensioni, l’immagine di copertina di un articolo ma anche data di pubblicazione e anteprima del contenuto.

Questi dati vengono annunciati ufficialmente il 2 giugno 2011 quando i principali motori di ricerca Google, Yahoo e Bing, si unirono per offrire contenuti migliori agli utenti.

Google faceva qualcosa del genere già dal 2009 con i rich snippet che supportavano solo recensioni e brevi descrizioni.

Quali tipi di dati strutturati esistono?

Oggi abbiamo a disposizione dati strutturati per qualsiasi tipo di informazione sul web. Vediamo quali tipi di dati ci sono:

  • Articoli
  • Libri
  • Breadcrumb
  • Caroselli
  • Corsi
  • Domande frequenti
  • Eventi
  • Istruzioni (how-to)
  • Video
  • Attività locali
  • Loghi
  • Film
  • Prodotti
  • Recensioni
  • Ricette
  • Casella di ricerca Sitelink
  • Video

Ariadne's Arts

Shop Online di Spiritualità e Cristalli

Bracciale feng shui pixiu Drusa in ametista Incenso angel protection Pirite grezza Bracciale in occhio di tigre
Visita lo Shop

Dati strutturati per articoli

Molti blogger li utilizzano per gli articoli del loro blog e i risultati sono molto soddisfacenti. Per i nostri articoli possiamo specificare:

  • Data di pubblicazione
  • Data ultima modifica
  • Titolo
  • Autore
  • Logo
  • Recensioni

Ho preparato per te una guida su come inserire dati strutturati negli articoli di WordPress, disponibile a questo link.

E-book e libri

Anche i libri possono contenere molti dati che aiutano i lettori con informazioni su:

  • Autore
  • Prezzo
  • Valutazione media di altri utenti
  • Codice ISBN
  • Edizione

Insomma, tutto quello che potrebbe invogliare all’acquisto!

Breadcrumbs

I Breadcrumbs (ovvero briciole di pane) sono link che indicano il percorso dell’articolo o pagina web all’interno del sito.

I Breadcrumb per un articolo può avere questa struttura ad esempio:

Home - blog - Nome articolo su cui si trova l'utente

Caroselli

I caroselli possono contenere elenchi di film, corsi di formazione o ricette. È possibile dare indicazioni, anche in questo caso, sulla durata, inserire immagini e recensioni oppure video.

dati strutturati carosello

Eventi

Molto importanti i dati strutturati per gli eventi perché creano un risultato di ricerca veramente dettagliato, completo di:

  • Foto
  • Luogo
  • Nome dell’evento
  • Data di inizio
  • Data di fine
  • Prezzo
  • Recensioni
  • Informazioni sull’organizzatore
cosa sono i dati strutturati degli eventi

Blocchi How-to

I blocchi how-to sono istruzioni per fare qualunque qualcosa. Puoi inserire all’interno di questi blocchi anche le immagini descrittive per ogni passaggio, il tempo di realizzazione e una descrizione.

dati liste how to

Prodotti

Sono informazioni che indicano:

  • Prezzo
  • Immagine
  • Descrizione
  • Recensioni
  • Disponibilità del prodotto

I risultati di ricerca che implementano questi dati sono molto apprezzati dagli utenti perché danno una chiara panoramica del prodotto già dalla prima impressione!

Ho scritto per te una guida su come inserire i dati strutturati per i prodotti sul tuo sito web

Attività locali

Anche le attività locali hanno i loro dati che, uniti alla creazione di una scheda Google Maps, possono garantire ottimi risultati!

  • Nome
  • Data di apertura
  • Sito web
  • Posizione geografica
  • Orari di apertura
  • Tipo di attività

Ho scritto per te una guida su come inserire dati strutturati per le aziende.

Quali sono i formati di dati strutturati?

Possiamo comunicare a Google queste informazioni in tre diversi formati:

  • JSON-LD (consigliato)
  • Microdati
  • RDFa

Il formato JSON è il più utilizzato dai siti web perché più semplice da inserire rispetto agli altri. Con questo formato possiamo anche sfruttare la dinamicità di Javascript, un linguaggio di programmazione per il web.

<html>
<head>
...
<script type="application/ld+json">
{
"@context": "http://schema.org/",
"@type": "Recipe",

"review": {
  "@type": "Review"
 }
}
</script>
</head>
</html>

Questo è un esempio di dato strutturato inserito in Json, possiamo notare come le righe di codice siano strutturate nel modo “oggetto” : “valore”.

Dove inserire i dati strutturati in un sito web

Ora che hai capito cosa sono i dati strutturati, dovrai inserirli nel tuo sito web. Non c’è una procedura univoca per qualunque sito perché dipende da come è stato creato.

Analizziamo un sito web realizzato in WordPress in quanto è il CMS usato maggiormente da sviluppatori e non.

Per prima cosa dovrai:

  • Cercare il codice che vuoi inserire dalla libreria Google
  • Adattare il codice al tuo articolo o pagina, cambiandone i valori (titolo, autore ecc…)

Ora veniamo alla parte più difficile che richiede un minimo di esperienza nella programmazione web:

  • Creare un tema Child
  • (o in alternativa creare un plugin)
  • Creare il file “header.php” perché qui viene dichiarato il tag <head>, all’interno del quale dovrai inserire il tuo codice
  • Inserire il codice che hai scelto
  • Adattare i valori ad ogni pagina sfruttando le funzioni di WordPress

Il file header.php genera l’intestazione di ogni pagina del tuo sito web, creando dinamicamente porzioni di codice. Questo avviene perché il codice di base sarà lo stesso ma cambieranno i titoli di pagina, gli url, il contenuto ecc…

Le funzioni che possono esserti utili in questa fase sono:

  • get_the_title()
  • get_the_author()
  • get_permalink()

Ci sono comunque diversi plugin di WordPress che possono aiutarti nella compilazione dei dati strutturati, lo stesso Yoast SEO (il più famoso in ambito SEO) crea alcuni tipi di dato.

Come si testano i dati strutturati

Una volta inseriti, i dati strutturati, vanno testati perché anche un piccolo errore di sintassi potrebbe causare degli errori nella lettura delle informazioni, quindi mandare a monte il tuo lavoro.

Per testarli puoi usare lo strumento di test dei dati multimediali fornito da Google, dove ti basterà inserire la tua porzione di codice o url del sito e premere “Analizza”.

Questo strumento ti fornirà tutti gli eventuali errori e la riga in cui si trovano per poterli correggere con facilità.

Ti è piaciuto questo articolo?

favorite thumb_down
Autore articolo

Fabio

Sono un terribile realista. Pratico e determinato ma anche un grande sognatore, ecco perché do continuamente vita a nuovi progetti online e non. Nel 2019 ho fondato Eureka Web proprio per rendere possibile tutto questo. Insieme possiamo realizzare la tua idea!


Visita il sito
library_books

Leggi anche

Perché Google non indicizza gli articoli del blog
Scopri
come inserire dati strutturati per prodotti
Scopri
file Robots.txt esempio di come crearlo per la seo del tuo sito weordpress
Scopri

Contattami

perm_identity
alternate_email
phonelink_ring
message

Il tuo messaggio è stato inviato con successo!
Ti risponderemo a breve

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

message
perm_identity
alternate_email

keyboard_arrow_up